Differenze di genere nei movimenti oculari

I nostri occhi sono ben più che semplici strumenti per raccogliere informazioni: sono finestre sul mondo che ci permettono di esplorarlo, comprenderlo e interagire con esso. I nostri occhi compiono una serie di azioni, volontarie e non, che ci permettono di elaborare le informazioni e di poter interagire con il mondo intorno a noi. Ma non solo, ci permettono anche di capire più a fondo il nostro comportamento e quello degli altri. 

L’eye tracking, ovvero il processo di misurazione del punto di fissazione oculare o del moto di un occhio rispetto alla testa, ci permette di scoprire come il nostro cervello elabora le informazioni visive e ci aiuta a comprendere meglio il nostro comportamento.

L’eye tracking ha evidenziato interessanti differenze nel modo in cui uomini e donne muovono gli occhi durante la fruizione di contenuti online:

  • Attenzione: Gli uomini tendono ad avere un’attenzione più focalizzata, concentrandosi su aree specifiche come video e immagini, mentre le donne distribuiscono la loro attenzione su più zone della pagina, elaborando a fondo i contenuti testuali e mostrando maggiore interesse per gli elementi interattivi.
  • Modalità di lettura: Uomini e donne adottano modelli di lettura differenti. Gli uomini tendono a seguire uno schema a “F”, concentrandosi sulla parte superiore della pagina e poi scorrendo rapidamente verso il basso, mentre le donne prediligono una lettura più attenta e lineare, leggendo spesso parola per parola.
  • Percezione visiva: Alcune ricerche suggeriscono che gli uomini siano più sensibili ai dettagli, agli stimoli veloci e ai cambiamenti di luminosità, mentre le donne, avendo un campo visivo più ampio, riescono a distinguere e memorizzare meglio le tonalità di colore.

Secondo una teoria evolutiva, le donne preistoriche svilupparono una vista particolarmente ampia per gestire contemporaneamente il fuoco, la prole e gli altri membri del clan. I cacciatori, invece, concentrandosi sulle prede, sul percorso di ritorno e sulla mira, svilupparono un’acuta percezione spazio-temporale. 

Tutto ciò potrebbe avere un senso, ma la scienza controbatte con studi dimostrando che le donne hanno geneticamente la sclera (la parte bianca degli occhi) più grande, trovandosi naturalmente facilitata nei movimenti oculari ricavandone un maggior campo visivo bilaterale; gli uomini sono invece in grado di riconoscere meglio i dettagli grazie alla presenza del testosterone che promuove un’organizzazione diversa dei neuroni della corteccia visiva. 

È importante tenere in considerazione che queste sono generalizzazioni e che le differenze individuali possono variare notevolmente, ci sono diversi fattori che possono influenzare il nostro modo di percepire gli oggetti, come l’età, l’educazione, l’ambiente sociale, l’esperienza culturale, tutti fattori importanti e che possono influenzare il nostro comportamento. 

Le ricerche sul movimento oculare offrono spunti preziosi per comprendere le differenze di genere nel modo di fruire i contenuti online. 

Queste informazioni possono essere utili in fase di progettazione layout, ad esempio per siti web, andando a creare contenuti più coinvolgenti e adatti alle esigenze specifiche di uomini e donne.

Contattaci

Ti va di proporci un progetto?

Scrivici e scopri come possiamo sviluppare il tuo progetto, il tutto davanti a una buona tazzina di espresso fumante (offriamo noi!)